Dopo aver fatto sesso con una ragazza, macchie rosse compaiono sulla testa

3 incantesimi d’amore per far innamorare

Ragazze della scuola insegnano il sesso

Il termine macchia descrive un'alterazione circoscritta del colore della pelle. Passando un dito sulla superficie della macchia non si avverte nessuno stacco, nessun scalino, nessun confine con la pelle normale.

Sono di vario tipo ed hanno origini ed evoluzioni diverse. Sono quindi una lesione piatta che si presenta con un colorito diverso dalla cute normale ma di consistenza uguale.

Nei bambini, durante il periodo estivo, le macchie ipocromiche sono generalmente più frequenti. Pitiriasi versicolor, nevivitiligine, angioma, micosiecc. Le macchie, anche se asintomatiche, preoccupano sempre i genitori e il paziente, a volte più di altri tipi di manifestazioni cutanee. Il pediatra solitamente invia il bambino al collega dermatologo il quale, osservata la morfologia della macchia, valutata la caratteristica d'insorgenza, l'aspetto iniziale, la modalità di estensione, l'evoluzione, il raggruppamento e la topografia.

Il dermatologo formula la diagnosi e consiglia la terapia per il trattamento specifico. Nella cultura popolare, questo termine raggruppa in maniera totalmente aspecifica e generica tutte le possibili alterazioni piane iperpigmentate della pelle.

Ecco dunque le voglie di caffè, le macchie caffè-latte, o di mosto di vino, di sale e pepe e potremmo aggiungere altre descrizioni squisitamente popolari. La macchia di colore rosso da molti viene considerata una manifestazione cutanea vascolare, tipo gli angiomioppure un'infiammazione. In questi casi la segnalazione, avviene generalmente per 3 motivi:. Le macchie rosse sulla pelle, piatte o più o meno rilevate, di forme e dimensioni varie sono angiomi, un vero e proprio disturbo estetico.

Un fenomeno che non è raro osservare nei neonati e nei bambini e che, quasi sempre, è fonte di preoccupazione per i genitori che temono qualche pericolosa malattia. Sono queste formazioni innocue che il più delle volte scompaiono da sole senza cure particolari, mentre se gli angiomi compaiono macchie rosse compaiono sulla testa età adulta, per quanto poco insidiosi, meritano una maggiore attenzione.

Il termine angioma indica una anomala proliferazione di alcuni vasi sanguigni, per un difetto nel loro sviluppo, circoscritta a una zona limitata della pelle. Ne esistono di molti tipi e, attualmente, vengono suddivisi in emoangiomi o angiomi immaturi, e malformazioni vascolari.

Tra questi, un terzo è già presente al momento della macchie rosse compaiono sulla testa, e due terzi compaiono entro le prime due- tre settimane di vita. Si manifestano come macchie rossein rilievo rispetto al piano della cute, chiamate popolarmente voglia di fragola, di lampone o di ciliegia e simili, spesso anche col termine inglese di cherry angioma, perché ricordano quei frutti, sia nella forma che nel colore.

Possono comunque avere contorni e dimensioni molto diverse : alcuni, i più frequenti, sono come puntini superficiali, solo appena sporgenti. Facile e comprensibile la preoccupazione e la spasmodica corsa a consultare uno o più medici di fiducia. Inoltre, costituisce ulteriore motivo di tranquillità che questo tipo di angioma, nonostante possa perdurare anche per qualche anno, prima o poi, nella stragrande maggioranza dei casi, regredisce spontaneamente fino a sparire senza lasciare la cicatrice, a volte al massimo un lievissimo segno.

Sono rari i casi in cui esistano le indicazioni per un intervento. Anche tutte le alterazioni di colore bianco o più chiaro rispetto a quello della pelle sono sempre motivo di grande preoccupazione, perché nell'immaginario comune sono identificate come macchie rosse compaiono sulla testa, o come spesso di sente dire funghi, quindi una malattia infettiva.

Le macchie bianche hanno un grande impatto sociale, specie se localizzate al viso o alle mani, che sono le parti del corpo dove cade per prima lo sguardo di chi osserva. Infatti se il soggetto che presentare questo tipo di manifestazioni tende ad avere un atteggiamento di chiusura, ovvero ricurvo, piegato su sé stesso, la testa bassa e le macchie rosse compaiono sulla testa socchiuse sempre tenute vicine al tronco, le persone che rilevano la presenza delle macchie bianche sulla pelle di chi sta di fronte, retraggono la testa ed evitano in tutti i modi di stringergli la mano.

La macchia bianca da ambo le parti è vista e sentita come una malattia contagiosa a tal punto da allontanare, dividere, ridurre lo spazio vitale delle persone.

Se il confine dermatologico macchie rosse compaiono sulla testa è mai presente tra la macchia e la pelle sana qui genera vere e proprie barriere, diventa un confine sociale di emarginazione nei confronti di chi presenta una patologia cutanea.

La paura nei confronti delle macchie della pelle, e in particolar modo di quelle bianchesembra essere inconscia e forse trova le sue radici nel lontano oriente, in India, dove la Lebbra, macchie rosse compaiono sulla testa malattia contagiosa e invalidante, è caratterizzata da modificazioni chiare dopo aver fatto sesso con una ragazza colore della pelle.

In occidente basta molto meno per alimentare macchie rosse compaiono sulla testa di emarginazione sociale. Dal punto di vista scientifico la corretta definizione di macchia dopo aver fatto sesso con una ragazza è melanocitosi dermica congenita, che indica appunto una discromia del tutto benigna che compare sulla pelle del neonato nelle prime settimane e mesi di vita soprattutto nella regione sacrale ma, come abbiamo visto, anche su arti e schienae che appare come una macchia bluastra o grigiastra dai bordi irregolari e dalle dimensioni anche superiori ai 10 cm.

Non sempre. Le cause più frequenti in età pediatrica sono le cosiddette ipocromie secondarie e la Pityriasis alba. Fatta eccezione per la tigna, le altre micosi superficiali sono piuttosto rare in età prepuberale. Le ipocromie si possono osservare ovunque a seconda della sede della lesione primitiva, ma la localizzazione più frequente è a livello degli arti, in particolare quelli inferiori, maggiormente soggetti alle punture di insetto, a traumi di varia natura, etc. I bambini non lamentano alcun sintomo.

È caratterizzata da lesioni eczematose in via di risoluzione in cui prevale, oltre al colorito biancastro, la secchezza e quindi la desquamazione della cute. Alcuni fattori ambientali, tipo l'umidità, oppure una predisposizione familiare, favoriscono lo scivolamento del fungo dal cuoio capelluto alla nuca e poi al dorso, al tronco fino alla radice degli arti superiori favorendo l'insorgenza della Pitiriasi Versicolor che, pur essendo un'infezione fungina, è poco contagiosa.

Inizialmente compaiono delle macchie di forma ovale e di colore giallo-bruno che nei soggetti con carnagione tendenzialmente scura possono passare inosservate. In questa fase, le macchie presentano una finissima desquamazione paragonabile alla carta di sigaretta sgualcita, poi, siccome il fungo interrompe momentaneamente la sintesi della melanina, le macchie cambiano colore - da qui il nome versicolor - diventando più chiare rispetto alla normale tonalità della pelle. Questo fungo si manifesta quindi con la comparsa progressiva di macchie ipocromiche talora lievemente arrossate, raramente di colorito brunastro.

È raro prima della pubertà quando colpisce più frequentemente il volto rispetto al tronco localizzazione tipica dopo lo sviluppo. Il trattamento d'elezione prevede la somministrazione di antimicotici per via sistemica per due settimane, per eradicare il fungo patogeno dal tronco, e contestualmente l'uso di uno shampoo dedicato contenente anch'esso un antimicotico per debellare il fungo dal cuoio capelluto. La terapia mira all'eradicazione dell'agente patogeno e non alla re-pigmentazione delle macchie, per le quali, solo dopo un'adeguata e consapevole esposizione al sole, è possibile ripristinare la nuova sintesi dopo aver fatto sesso con una ragazza melanina.

Infine, nei casi gravi - solo dopo prescrizione medica - è indicato usare periodicamente durante l'anno uno shampoo antimicotico per evitare le recidive. I nevi acromici e la vitiligine sono altre manifestazioni frequenti in un bambino di acromia. I nevi acromici si presentano solitamente entro i primi anni di vita e aumentano di dimensione solo in proporzione alla crescita del bambino.

La vitiligine colpisce prevalentemente il volto, gomiti, ginocchia, genitali. Per la vitiligine oggi sono disponibili diversi trattamenti, ma nel bambino hanno delle limitazioni, esempio la terapia con ultravioletti B, psoraleni ed ultravioletti A è dannosa per la cute del bambino, mentre dà risultati negli adulti.

I prodotti topici che stimolano la pigmentazione, i corticosteroidi topici e le vitamine per via orale sono a oggi gli unici possibili. No, grazie Si, attiva. Autore: Fonte:. Condividi su facebook. Le macchie cutanee sono di vario tipo ed hanno origini ed evoluzioni diverse.

La pediatra ci descrive le macchie della pelle più frequenti tra i bambini. Come riconoscerle e quando si deve intervenire? Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore.

Vuoi abilitare le notifiche?